We Used To Live There favicon

Onirica

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Piatti Unici, Surreale

1.968 parole; tempo di lettura stimato: 10 minuti circa A illustrare il racconto, un’opera di Frank Moth C’era un uomo, uno scrittore. Languido, traballante sui talloni, con giacca e panciotto di tweed; non fuma la pipa, ma ha un vizio per il tè agli agrumi. Ha confezionato un racconto per quella rivista che ha il nome […]

Piazze - Nubius Dee favicon

Piazze

Pubblicato il 1 commentoPubblicato in Chef per un giorno, Piatti Unici, Realismo magico, Surreale

1.218 parole; tempo di lettura stimato: 6 minuti circa A illustrare il racconto, un’opera di Franz Falckenhaus Attraversava la piazza deserta, Meridia, e la città grondava pioggia acida dal corpo scuro, ogni poro del selciato impregnato ritmicamente del diluvio. Meridia camminava, triste Meridia, e la pioggia intensa era acida come la panna che due ore prima […]

Il buco favicon

Il buco

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Chef per un giorno, Surreale

1.356 parole; tempo di lettura stimato: 7 minuti circa A illustrare il racconto, un’opera di Marcos Martinez  Non l’avevo mica visto, appena entrato a casa. Di fronte c’era il divano, il tavolo, e tutto; io, arcuato, andavo verso la cucina per salutare mamma. «Ciao ma’», gridai nel crepitio della cottura. «Oh, Marco, sbrigati a lavarti le mani […]

T come Tonfo favicon

T come Tonfo

Pubblicato il 1 commentoPubblicato in Chef per un giorno, Noir, Piatti Unici, Surreale

2.161 parole; tempo di lettura stimato: 10 minuti circa A illustrare il racconto, un’opera di Giulia Spinelli Ci sono i vapori di sodio dei lampioni che ti accendono parte del viso e il vialone sul lungo fiume che brulica di automobili. Hai fretta, procedi a zigzag strombazzando, acceleri e inchiodi, sorpassi i macinini a sinistra, scansi le […]

mi chiudo a chiave favicon

Mi chiudo a chiave

Pubblicato il 1 commentoPubblicato in Fantastico, Piatti Unici, Surreale

907 parole; tempo di lettura stimato: 6 minuti circa. A illustrare il racconto, un’opera di Giulia Spinelli. Una femmina alla finestra: ha ossa allungate, esili da cicogna: è insolente, litigiosa, sospettosa verso il vivere – che è l’unico eroismo a macchiarla. La femmina sono io. Mercoledì avrò questa cosa da fare: leggere a una “unprofessional audience” Bestia […]

Alphonse Mucha 4x4

Rosa

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Chef per un giorno, Piatti Unici, Rosa/erotico, Surreale

617 parole; tempo di lettura stimato: 3 minuti circa Di dolci sentori di frutti esotici accendo l’aria tra gli amanti, di petali color della panna velo la memoria dei caduti, fiorisco con gli incontri timidi di uomini intimiditi dall’inverno, con i miei pollini sfioro le ragazze – le loro pelli morbide – per arrossare le gote; alcuni […]

Papà Gambalunga 4x4

Oltre

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Chef per un giorno, Piatti Unici, Surreale

972 parole; tempo di lettura stimato: 5 minuti circa Marilena giunse alla stazione ferroviaria di Roma con quaranta minuti di ritardo. Scese dal treno e si guardò intorno, smarrita e disorientata, sperando di non attirare l’attenzione dei soldati sparsi ovunque. Aveva solo sedici anni ed era la prima volta che usciva dai confini del paesello […]

Slowly Drift Away -Souther Salazar 4x4

C’era una volta un TROPPO di troppo

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Chef per un giorno, Piatti Unici, Surreale

995 parole; tempo di lettura stimato: 5 minuti circa C’era una volta un mondo governato dalla rapidità e dalla produttività. Un mondo in cui la sintesi vinceva sempre sull’analisi. Un mondo in cui la bidimensionalità aveva scavalcato a piè pari la tridimensionalità. Un mondo in cui, per arrivare illesi e vittoriosi al fine, si consigliava […]

William Burroughs - café La Palette 4x4

L’uomo dai baffi rossi

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Chef per un giorno, Piatti Unici, Surreale, Urbano

2.695 parole; tempo di lettura stimato: 13 minuti circa L’estate era preannunciata dal rullo dei tamburi che sentivi dalla finestra di casa e almeno una volta, che lo volessi o no, pensavi all’uomo dai baffi rossi. Quello stesso tambureggiare, infatti, risvegliava lo spirito che infestava un ristorante nel centro della città. Il Marinetti, – così […]