Mi chiudo a chiave

Pubblicato il Pubblicato in Fantastico, Piatti Unici, Surreale
Mi chiudo a chiave // Giulia Spinelli
Piaciuto il racconto? Scaricalo, è gratis

PDF MOBI EPUB

907 parole; tempo di lettura stimato: 6 minuti circa.
A illustrare il racconto, un’opera di Giulia Spinelli.

Una femmina alla finestra: ha ossa allungate, esili da cicogna: è insolente, litigiosa, sospettosa verso il vivere – che è l’unico eroismo a macchiarla.
La femmina sono io.
Mercoledì avrò questa cosa da fare: leggere a una “unprofessional audience” Bestia Pelosa, il più onesto dei miei racconti: veste condita a idealità della Allerleirauh. Fui sopraffatta, a dispetto del mio orgoglio stantio, dalla sognante scioccheria delle vergini inserrate o in amore. Ancora chiusa, ormai bella seppure bambina nei tratti, relegata in una dimensione limbica: non donna, malgrado i miei rancorosi ventisei anni; non bambina a ragione di quelli, con aria grama da figlia di re vietata al sole, rifiuto una vita che ormai non si è fatta benvolere che, anzi, mi ha defraudata.
Perciò mi sono chiusa a chiave.
In anello siedo alla finestra, tra le mura di una casa rosso mattone, che nella flora si mima esotica, in economia: una lugubre signora di Shalott, inoperosa, non-tessente, che si trastulla a ombre. Pensavo alla malia della pelle animale, pensavo che non desideravo  essere vista – a stento mi guardo – e proprio allora ho veduto. In strada ho gettato l’occhio.  Non so cosa sentissi quando avvenne il fatto, ricordo che mandavo a mente il discorso da tenere, la necessità della mia ritrosa di sortire dall’involucro bestiale per uscirne donna – come avrei dovuto fare io stessa, prima che lei – e la necessità mia di parlare chiaramente perché comprendessero. Era da capire – e amare – la principessa bardata a ocelot volpi e testuggini, e, per suo mezzo, quella di cui è simulacro, nascosta, chiusa a chiave. Così ricamavo a mente la storia, in potenza frantumando la rassegnazione che mi mura la bocca, per finalmente intruder nel mondo con la mediazione della Dognipelo.
Non un riflesso, ma un suono: giù in strada, lontano, estranei in fuga notturna.
Il loro sesso mi era irrilevante: facevano chiasso, tanto bastava. Ho guardato ancora, con i miei occhi che occhi non sono – così inetti alla vista – un uomo e una donna a inseguirsi;  la notte fattucchiera da due soldi ha dato a lui i tuoi lineamenti. Subito quell’uomo eri tu. Dovrai essere indulgente se così mi sono infuriata – nonostante non fossi tu, non potessi essere tu:  ti so smarrito in remote tropicalità dorate – ma la vita odiosa è stata un corteggio di abbagli. I miei amori, amori non potevano definirsi ma lampeggi, fantasie, e poi tu, l’innumerevole dei miraggi – quanto agognato reale! L’immaginazione – il mio dono – sempre, mi ha, poi, tradita. Dimoro nell’irrealtà. Sono miope, ho occhi che non vedono senza mediazione; così come non so spiegare il mio dramma se non per mezzo della Bestia Pelosa; così come il mio sangue di donna, perfino,  non ha consistenza o rossore; così come, per anni, mi sono data – anche questo per finta – a un generoso amante, ma riversa su un fianco, riversa e vergine senza essere presa. Non sono donna compiuta – il limbo mi si addice – e, come hai visto, perseguitata dalla immaginazione. Adesso insegui questa donna con fratte di rosso e di nero per capelli, mentre non hai corso al mio fianco come se non valessi consumare caviglie – e, pure, ti avrei accolto con tutti gli onori, mutata in leonessa – vincendoti un ruolo nella farsa degli atti copulatori che me riguardano come l’umanità tutta,  monotonamente. La vita ho trascorso inseguita da mio padre e mia madre, dall’uomo-eglantina – armato a rose intraprese la ventura – dai lutti e dai doveri, da un pazzo dedito alle sevizie, sempre dilacerando chi si è provato ad amarmi. Sono una Atalanta: farmi rincorrere è vizio – e proprio una corsa, adesso, mi esclude. Il senso del mio esilio è in questo pas de deux a cui, così incernierata, non sono ammessa. Titubante lei non si fa vincere, non ancora. Sguscia sul tappeto di aghi e foglie con grevità squittente. Giocate, irrispettosi verso i silenziosi ed esiliati mangiatori di ombre, che di ombre non sono mai stanchi – perché è tutto ciò che hanno. Occulta dietro la tenda, le mani sotto al mento, un livido elettrico sul polpaccio sinistro – capillari come ragni e stelle – con occhi vacui sprezzo la realtà: lascio fluire i capelli da tessitrice fantasiosa. Io con la mente sempre pronta alla lotta, pugnace e lodata da questa fantoccesca intellighenzia di periferia, sono stata da te, tuo malgrado, stanata. Eri nel non-linguaggio – l’ennesimo territorio liminale, ignavo, adatto all’ibrido che sono – l’unico luogo dove la parola, il liquido amniotico in cui vivo aspersa, è inefficace. Dimenticarti sarà smettere un sogno, svegliarsi, picconare l’ennesimo bamboccio imbastito dalla principessa sotto la pelle di bestia; è indegno di un essere umano che tutto ciò a cui si aspiri sia poi irrealizzabile – che le aspirazioni siano, traslate nella vita, nient’altro che un riflesso sbiadito. Questo sarebbe stato anche con te.
Mi sono chiusa a chiave: con la cappa irsuta e animalesca proteggo la principessa e i suoi sogni malati. A cavalli si nutre, a eroi fiammeggianti, a cortesi portatori di fiori e corone. Sciocchezze e oscenità – oscena proprio perché sogna. La tua sagoma si fa audace: le dita mi mordo per la solidità da abete del tuo corpo – reale mi esclude – come si piange un morto. Ma sei tu davvero, alla fine? L’hai finalmente afferrata e le gravi addosso. Io sono l’esclusa, la prigioniera.
Regina e padrona scelgo di preservarmi sotto il manto animale: in eterno mi chiudo a chiave – solo in cerniera si può vivere di fantasticheria.
Perché eroe è chi dubita della vita con le sue macchie d’ombra.

Simona Friuli
“Ma, fratelli, questo mordersi le unghie dei piedi sul qual è la causa della cattiveria mi fa solo venir voglia di gufare. Non si chiedono mica qual è la causa della bontà, e allora perché il contrario? Se i martiri sono buoni è perché così gli piace, io non interferirei mai coi loro gusti, e così dovrebbe essere per l’altra parte. E io patrocinavo per l’altra parte. In più, la cattiveria viene dall’IO, dal TE, o dal ME, e da quel che siamo, è stato fatto dal vecchio Zio (o Dio) ed è il suo grande orgoglio e consolazione. Ma i NON-IO non vogliono avere il male, e cioè quelli del governo e i giudici, e le scuole non possono ammettere l’IO. E la nostra storia moderna, fratelli, non è la storia di piccoli IO coraggiosi che combattono queste grandi macchine? Parlo sul serio, fratelli, quando dico questo. Ma quello che faccio lo faccio perché mi piace farlo.”

Un pensiero su “Mi chiudo a chiave

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

code